Vendita casa: perché non ho ancora venduto?

Questa è una domanda frequente dei nostri amici di Guida-Immobiliare.com

Se anche tu sei arrivato qui, molto probabilmente stai cercando una soluzione al problema della vendita di casa tua oppure (lo spero per te) stai semplicemente incominciando a informarti sulla compravendita immobiliare. Quale che sia il motivo per cui oggi vuoi sapere perché non si vende un immobile, ora puoi trovare la causa in uno dei 5 comportamenti dannosi di chi vende casa, che si ripercuotono sul prolungarsi dei tempi medi di vendita di un immobile.

Negli ultimi 3 anni abbiamo “approfittato” della possibilità di incolpare la crisi del mercato immobiliare, di certo in buona fede ma al tempo stesso inconsciamente otteniamo un beneficio nel “scaricare” la colpa di non aver venduto casa alla situazione, al destino, alla sfortuna … Questo comportamento del tutto spontaneo lo possiamo ritrovare sia nelle vendite tra privati sia tra gli agenti immobiliari, che soffrono senz’altro di più in quanto stanno vedendo rallentare le vendite di tutti i loro immobili e non si tratta solamente di subire un ritardo del tempo necessario per trovare un cliente per una sola casa.Treetops Golf - Rick Smith Signature, Gaylord, Michiganphoto © 2008 Dan Perry | more info (via: Wylio)

La crisi immobiliare di sicuro ha fatto rallentare la vendita di immobili, però tuttora ci sono tanti privati che riescono a vendere e diverse agenzie immobiliari che concludono regolarmente le trattative dei loro immobili.

Queste persone hanno scoperto una “formula magica” per la vendita di case? In un certo senso sì!

Queste vendite tra privati e con agenzie immobiliari, per caso o per bravura, si concludono perché vengono gestite con una strategia vincente per la compravendita. Le variabili, che influenzano la conclusione di buoni affari, sono diverse ed una di queste può essere evitare uno dei 5 comportamenti dannosi alla vendita della casa. Il primo consiste nel non far da sé e non lasciar fare ad altri. Questo costituisce le fondamenta della vendita di un immobile perché un privato può decidere di vendere la sua casa e fin qui tutto bene. Poi, però, la decisione di mettere in vendita la casa deve tradursi in azioni concrete (e soprattutto specifiche), cosa che non sempre accade. Inoltre, chi invece inizia ad agire, non ha le idee chiare sul da farsi e, di conseguenza, procede in maniera disorganizzata e non pianificata, con il risultato di non arrivare a una definizione positiva dell’affare. Sostanzialmente iniziamo a mettere in vendita casa nostra, svolgendo attività del tutto casuali, svolte in base a ciò che ci viene in mente di fare di volta in volta. Oggi metto il cartello vendesi, tra una settimana pubblico un annuncio gratuito dell’immobile, poi se mi chiama qualche agenzia immobiliare mi rendo disponibile per visionare la casa

Così facendo, vediamo le nostre energie impiegate in qualcosa che non ci dà risultati o comunque ci mettiamo in condizione di accettare una proposta di acquisto a noi sconveniente perché dopo 6 mesi (o un anno) è l’unica offerta arrivata. La stessa faccenda si ripercuote sull’agenzia immobiliare, giunta con fatica a scrivere una proposta d’acquisto (magari l’unica del mese o del bimestre), che si vede rifiutare l’offerta dal proprietario senza poter cambiare la situazione.

Questo ci crea una profonda frustrazione.

Cerchiamo, invece, di vedere la questione da un altro punto di vista: il settore immobiliare non è in crisi, è  semplicemente cambiato rispetto al passato ed è tutt’oggi in continua evoluzione (questo processo non finirà mai perché la ciclicità è una legge di mercato).


Il mercato immobiliare è diventato estremamente competitivo, per via di tutti gli interlocutori che ne fanno parte (privati, agenti immobiliari, costruttori, professionisti vari, mediatori, procacciatori …) e per gli strumenti da questi utilizzati.

Di conseguenza, in tutto questo mescolarsi di figure, noi dobbiamo essere competitivi, dobbiamo distinguerci dagli altri perché non farlo vuol dire rinunciare a vendere casa. Non importa chi siamo, a quale categoria apparteniamo, dobbiamo fare in modo di mettere in risalto il nostro immobile rispetto a quello degli altri.

Chi vende casa è in concorrenza con tutti gli altri attori del mercato immobiliare.

Uno dei motivi per cui non riesci a vendere, forse è proprio questo. Probabilmente non ti sei soffermato a pensare alle attività davvero importanti per la vendita o in alternativa non sai come svolgerle.

Quindi cosa succede?

In tutta questa confusione, finiamo per non occuparcene noi e non lasciamo neanche fare ad altri (una ipotesi, ad esempio, può essere rivolgersi ad un’agenzia immobiliare) per diverse ragioni: per non avere problemi, perché abbiamo paura di sbagliare, per non pagare la provvigione all’agente immobiliare

Allora cosa succede?

Il problema della vendita di case è proprio questo: non succede nulla e … nel frattempo i tempi di vendita si allungano, i mesi diventano anni (non sto esagerando). Allora in questi casi, esclusi i presenti :-), le persone si nascondono dietro a frasi come: “Tanto non ho fretta di vendere“, “Prima o poi arriverà l’amatore per casa mia” …

Non so se conosci qualcuno che parla in questo modo (sempre esclusi i presenti … )

Cosa significa “CONOSCERE E SAPER SVOLGERE LE ATTIVITA’ NECESSARIE PER POTER VENDERE UNA CASA“?

Vuol dire non sperare solo che un acquirente passi sotto casa nostra e si accorga del tuo cartello vendesi sul portone.

Il paradosso è che l’acquirente di casa tua è già in giro a cercare casa, a cercare un immobile come il tuo e non escludo la possibilità che stia facendo fatica a trovare casa.

A chi pensa alla crisi immobiliare voglio dire una cosa importante, desidero fare un esempio eclatante: i miei suoceri sono in cerca di una casa da acquistare da oltre un anno, ma non riescono a trovarla perché pochi privati si prendono la briga di esporre il cartello, non fanno pubblicità su internet per vendere … e cosa più incredibile, hanno lasciato una richiesta di acquisto in più di 15 agenzie immobiliari senza MAI (dico mai) ricevere una chiamata per visitare un immobile.

Allora è in crisi il mercato o sono in crisi le persone?

Dobbiamo essere competitivi per non sbattere la faccia contro la dura realtà: non siamo gli unici in Italia a vendere casa o non siamo la sola agenzia tra cui i clienti possono scegliere. Molte agenzie concorrenti hanno un sito internet funzionale, gradevole da vedere e da consultare, con le foto degli immobili, le mappe che indicano la posizione della casa, i tour virtuali, i filmati degli interni dei locali, le interviste ai professionisti e poi … Poi ci sono i siti internet di annunci con le più svariate funzioni, che ti avvisano via SMS delle nuove offerte di immobili.

Noi dobbiamo prendere atto del fatto che la nostra vendita è in competizione con tantissime altre; non ti sto dicendo di fare tutte queste attività costose solo per vendere una casa e nemmeno di diventare un agente immobiliare. Devi, però, svolgere delle attività affinché la tua casa non si perda nel mucchio, fare qualcosa per mettere in risalto il tuo immobile e innanzitutto METTERTI SERIAMENTE IN AZIONE. Inizia preparando un piano di vendita della casa organizzato.

Se pensi di scrivere “No agenzie!” sul cartello vendesi per evitare le chiamate degli agenti immobiliari, sappi che questo non ti serve ad allontanarli … è proprio il contrario, è ciò che ti identifica inequivocabilmente come venditore privato e, quindi, ti telefoneranno di più.

Così come permettere ad un agente immobiliare di visionare e valutare la casa, portare dei clienti interessati o di ricevere una proposta di acquisto, con la pretesa esplicita (o implicita) di non pagare le provvigioni per il lavoro svolto. Se ci pensi, sul mercato c’è una grande offerta di immobili dai quali un’agenzia immobiliare può guadagnare una buona provvigione sulla vendita.

E che motivo ci sarebbe di impegnarsi a lavorare per la tua casa, senza guadagnare per la mediazione? Soprattutto oggi!

Alcuni amici di Guida-Immobiliare.com mi raccontano la loro esperienza; si lamentano dell’agente immobiliare che ha visto la casa e poi non ha portato nemmeno un cliente, nonostante sembrasse un professionista serio.

Sai che fine hanno fatto la scheda e la planimetria di quell’immobile?

Di certo è stata archiviata in un maxi quadernone o in fondo ad un plico di altre case da tenere come “ruota di scorta”,da proporre solo ed esclusivamente ad un acquirente che non si è interessato ad un’altra delle numerose case da vedere a disposizione dell’agenzia (o forse anche in un cestino della spazzatura).

Dobbiamo saper riconoscere e premiare i bravi professionisti, quando decidiamo di rivolgerci alle agenzie.

Allo stesso tempo se hai scelto la vendita tra privati, hai tutte le ragioni per voler percorrere la tua strada, ma devi farlo con azioni mirate, specifiche e soprattutto organizzate ad hoc per trovare l’acquirente giusto. Altrimenti riceverai un’altra delusione tipica del privato, quella di scoprire che il tuo vicino ha messo in vendita la casa e, prima che te ne accorgessi, ha venduto.

A quel punto non c’entra la fortuna o la sfortuna!

Questo aspetto da noi chiamato “Come pensi di vendere?” è davvero troppo spesso sottovalutato. Da tutto ciò dipenderà la vendita di casa e la vendita alle condizioni desiderate.

Le cose più semplici, quelle che abbiamo davanti agli occhi, purtroppo sono quelle che non riusciamo a vedere (o che trascuriamo). Anche noi qualche anno fa commettevamo lo stesso errore nelle nostre vendite immobiliari e ora abbiamo deciso di condividerlo con te perché per noi ha significato molto fare questo cambiamento, era un ostacolo significativo.

La nostra fortuna è stata quella di collaborare con realtà importanti, prima con il più grande gruppo a livello nazionale e poi con il franchising immobiliare n°1 al mondo, esperienze che ci hanno arricchito di conoscenze, grazie alle quali abbiamo imparato l’importanza di avere un metodo specifico per ciascuna compravendita. In questo soprattutto gli americani sono tuttora diversi gradini sopra di noi.

Proprio con lo scopo di condividere queste preziose informazioni abbiamo realizzato un audio GRATUITO ricchissimo di valore, per spiegarti approfonditamente altri motivi per cui non riesci a vendere casa.

Scaricalo ora, ascoltalo e poi torna a trovarci per farci sapere come è andata.

Ti aspettiamo! Ok?

Leggi anche i commenti e le richieste di aiuto dei lettori di Guida-Immobiliare.com qui
Troverai anche le nostre risposte, utili come approfondimento all’articolo che hai appena letto.
Se anche tu vuoi saperne di più o non ti è chiaro quanto spiegato, ti basta scriverci utilizzando il form per inserire la domanda.
E’ sufficiente cliccare su “pubblicare un commento” per avere la certezza di una nostra veloce risposta.
Grazie per l’attenzione!


I commenti sono chiusi